Perché fare brand awareness è fondamentale

Web Marketing

Brand awareness Vs. Vendita

Quando vogliamo promuovere un business sul web spesso mettiamo tutte le nostre risorse ed energie nel migliorare le vendite: perfezionare i testi delle email, raccogliere nuovi contatti, rendere più usabile la navigazione sul sito…
Dimentichiamo però un tassello fondamentale, ovvero migliorare la conoscenza del brand (brand awareness), senza dover pressare sulla vendita ad ogni costo.

Perché investiamo poco sulla brand awareness?
Perché il ritorno sull’investimento non è immediato, inutile girarci attorno. Non è come investire in attività di advertising, in cui, dati analitici alla mano, si può capire subito quanto ha portato ogni centesimo speso.

Eppure ciò che non viene compreso, è che lavorare sulla conoscenza del brand porta a un obiettivo di lungo termine: la fidelizzazione del cliente al marchio.

Non pensare subito a Coca-Cola o Apple, ci sono moltissimi piccoli business che hanno clienti affezionati. Un’altra cosa: nessun business è impossibile da promuovere, semplicemente non bisogna puntare ad essere conosciuti da “tutti”.

Il signor “tutti” non è un tuo cliente

So che questo concetto è delicato e difficile da digerire: i tuoi potenziali clienti NON sono tutti.
È bello accarezzare quest’idea perché dà l’impressione di raggiungere più persone e “fare più soldi”, ma spesso sono i pochi clienti più fidelizzati a costituire la fetta più importante di entrate per un’azienda.
Quel circolo ristretto di clienti sono la tua nicchia di mercato. Sono loro e le persone simili a loro che devi raggiungere, non “tutti”.

Riflettici un attimo.
È come se andassi al ristorante e ordinassi tutto ciò che c’è nel menu. Probabilmente al settimo antipasto ti ritroveresti ad abbandonare l’impresa di mangiare il menu intero… Allora perché non concentrarti da subito su pochi piatti, magari quelli che ti piacciono di più?

Perché “farsi conoscere” non vuol dire che tutti debbano conoscere e apprezzare il tuo marchio, ma che siano i tuoi potenziali clienti a farlo. Questa è l’essenza della brand awareness.

Chi trova una nicchia trova un tesoro

Ok, tutto molto bello, ma come fai a farti conoscere dalla tua nicchia di mercato?

Prima di tutto devi avere bene in mente le persone di cui è composta questa nicchia, chi è il tuo target, quindi. Chi sono, cosa fanno, in che modo il tuo prodotto/servizio può risolvere i loro problemi, etc.
Io sono per “le cose fatte bene” quindi il mio consiglio è di rivolgersi a chi fa ricerche di mercato, ma mi rendo conto che spesso all’inizio si ha poco budget a disposizione, quindi proverò a darti qualche metodo alternativo, semplice, ma efficace:

  • Analizza chi è già sul tuo mercato, le aziende concorrenti. Devi conoscere la loro offerta e capire quali sono i punti di forza e debolezza.
  • Analizza in che modo comunicano la loro identità e su quali canali. Lo fanno in modo efficace? Questo puoi capirlo ad esempio dalle interazioni e dai commenti sui Social. Se la comunicazione è unidirezionale, nessuno si fila i post del brand, allora sai che… Quella non è la strada giusta da seguire se hai un target simile.
  • Analizza i tuoi punti di forza e debolezza. Magari hai un catalogo prodotti molto ridotto, ma offri delle personalizzazioni che nessun altro sul mercato offre, quindi questo potrebbe essere un elemento su cui puntare.
  • Se hai già dei profili Social attivi, analizza le statistiche (chiamate insights o analytics, dipende dal Social) per capire chi stai raggiungendo con i tuoi contenuti. Ad esempio, più donne o più uomini? Questa differenza è fondamentale poiché dovrai comunicare in modo completamente diverso per attrarre i due diversi tipi di pubblico. Qual è la fascia d’età che interagisce di più? I tuoi follower preferiscono contenuti video o immagini? E che tipo di immagini? Devi carpire più informazioni possibili da questi strumenti, dopodiché decidere se stai raggiungendo il target che avevi in mente e quindi proseguire, oppure no e cambiare la tua comunicazione.

(In due parole: analizza tutto)

Perché paragono la nicchia a un tesoro? Perché se trovi quella giusta e soddisfi i bisogni, le esigenze delle persone al suo interno, allora ti saranno fedeli per sempre (in senso figurato eh, mica è una setta).
Pensa alle persone che possiedono una GoPro, userebbero mai una action cam di un’altra marca? E ai centauri in Harley Davidson ci hai pensato? Non li vedrai mai su una Vespa.
Sai perché? Perché quei brand incarnano pienamente il loro stile di vita e le persone si sentono rassicurate da come i brand si raccontano, da come comunicano, poiché ci si rispecchiano.

In conclusione, investire sulla conoscenza del brand è fondamentale per costruire un rapporto duraturo e fidelizzato con i potenziali clienti e queste attività devono andare di pari passo con le vendite.
Per farti conoscere nel modo giusto però, devi prima identificare con chi vuoi comunicare (no, tutti non è un’opzione), poi lavorare sui concetti da trasmettere e infine su quali canali veicolarli e in che modo.
Questo significa avere una strategia di marketing digitale e non “usare Instagram perché lo usano TUTTI”.